"Melancholia", quando i mondi si scontrano e arriva la fine


Esce in dvd l´ultima, discussa e indimenticabile opera del regista danese Lars Von Trier; in tv vedremo, tra gli altri, "Revolutionary Road" di Sam mendes, ritratto lucido e spietato della famiglia americana.

"Melancholia", quando i mondi si scontrano e arriva la fine
marted́ 13 marzo 2012 12:12:55

di Giuseppe D'Errico

stampa questa news invia questa news ad un amico

FOGGIA - IN DVD
Melancholia (Danimarca-Francia-Usa, 2011) di Lars Von Trier, con Kirsten Dunst, lotte Gainsbourg, Kiefer Sutherland, lotte Rampling, Brady Corbet, John Hurt, Alexander Skarsgard, Stellan Skarsgard, Udo Kier.

Raramente si è vista sposa più disgraziata al cinema. La tormentata Justine manda a monte il suo matrimonio nel bel mezzo del ricevimento nuziale, nell'immensa villa della sorella Claire, perché dilaniata da una profonda depressione e da un senso di impotenza verso il mondo. Ridotta a uno stato di irrecuperabile abbandono, Justine troverà speranza nell'arrivo di un evento catastrofico che minaccia la terra e i suoi abitanti: il pianeta Melancholia, infatti, si avvicina sempre di più al nostro globo e non c'è alcun modo per fermarlo.
Dopo una distribuzione limitata alle sale d'essai, arriva in dvd uno dei film più importanti e discussi della stagione, presentato a Cannes e vincitore della Palma d'Oro per la migliore attrice a Kirsten Dunst.
Von Trier prosegue il suo personalissimo ritratto di una società allo sbando, che altro non merita se non la morte. Da tempo anelava la fine delle cose, e l'ha avuta. Ci si chiede: avrà altro da dirci in futuro?
Cinema che stupra con la sinfonica bellezza delle immagini e con l'insostenibile violenza emotiva dei concetti: è lecito tutto ciò? Lo sarebbe se Von Trier fosse davvero coraggioso; invece si limita a spezzare il film in due: la prima parte molto in stile "Festen" ma senza la grossolana caratterizzazione psicologica del film del suo adepto dogmatico Vintenberg, in cui la critica al mondo borghese passa attraverso la genesi di una depressione cosmica insanabile e totale; la seconda, tutta incentrata sull'attesa dell'evento tragico, quasi completamente slegata dalla prima, del tutto gratuita per modalità di narrazione e di estorsione di emozioni (caratteristica madre del regista danese).
Poi la fine di tutto, presuntuosa, lacerante, estremamente plateale e pessimisticamente infantile per come viene profetizzata in largo anticipo dal consueto personaggio femminile borderline (sposa mancata, sorella torva e monolitica, fattuchiera stanca di vivere che, con precisione euristica, ci informa che a questo mondo siamo soli e che abbiamo le ore contate). Melancholia ha svolto il suo compito.
Come ogni film di Lars Von Trier, si resta scossi e interdetti, e con un mare di quesiti irrisolti, più sul regista che sul film in sé. Che ha momenti talmente intensi da mozzare il fiato ed altri così fumosi e stizzosamente tristi da suscitare scoramento. Applausi comunque ad una messa in scena di incommensurabile bellezza (i primi 10 minuti sono da brividi) e a due attrici eccelse.
Un film troppo legato ai conflitti interiori del suo autore per potersi disvelare pienamente, anche nella sua negatività tematica, ma difficilmente dimenticabile, al di là di ogni ragionevole dubbio.

IN TV
Thelma & Louise (1991) di Ridley Scott, manifesto on the road del femminismo più liberatorio, con Susan Sarandon e Geena Davis dirette da un regista mitico: martedì 13 marzo alle 21:00 su Rai Movie;
Revolutionary Road (2009) di Sam mendes, ritratto tragico di una famiglia americana in un interno, con Kate Winslet e Leonardo Di Caprio: martedì 13 marzo alle 21:15 su Canale 5;
Le streghe di Eastwik (1987) di Gorge Miller, il diavolo Nicholson seduce le streghe Cher, Sarandon e Pfeiffer in una commedia fantasy irresistibile: mercoledì 14 marzo alle 21:00 su Iris;
Seven (1995) di David Fincher, uno dei thriller simbolo degli anni '90, con Brad Pitt, Morgan Freeman, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey: giovedì 15 marzo alle 21:00 su Rete4.


IlGrecale.it è una testata giornalistica.
Reg. al Tribunale di Foggia n. 08 del 9.4.2011.
Direttore Responsabile: Piero Russo
Partita iva 03201310715.
email: info@ilgrecale.it

Contatta la redazione

Distribuiamo feed e tools gratuitamente. Leggi come.
powered by netplanet

Stai inviando il link del seguente articolo:

"Melancholia", quando i mondi si scontrano e arriva la fine

Il tuo nome (e cognome)

L'email dell'amico/a

Puoi includere un piccolo messaggio (opzionale)

» Misure antispam

quanto fa 3 + 8?

Trattamento dati personali: Ho letto e accetto.