Il "Premio Lupo" entra nelle carceri italiane

Il "Premio Lupo" entra nelle carceri italiane

FOGGIA - Per la prima volta il "Premio Lupo" entra nelle carceri italiane. E lo fa dedicando una delle quattro sezioni del concorso letterario dei Monti Dauni ai detenuti ristretti nelle case circondariali d'Italia. La "Sezione Social" (tema: "Il lupo cattivo si racconta") è la novità più rilevante dell'edizione 2012 del "Premio Lupo", il concorso di racconti inediti promosso dalle amministrazioni comunali di Alberona, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Faeto e Roseto Valfortore, con il partenariato dell'Assessorato allo Spettacolo e Cultura della Regione Puglia e dell'Amministrazione Provinciale di Foggia. La direzione artistica del premio è affidata anche quest'anno alla Piccola compagnia impertinente di Foggia, nella persona di Pierluigi Bevilacqua.

"Un'altra avventura del ‘Premio Lupo' è iniziata. Siamo pronti a credere in questa settima edizione - spiega Bevilacqua - sia per il concorso, con le sue sezioni in gara, che per la tre giorni di eventi che a settembre rappresenterà il punto d'arrivo di un lavoro lungo e a cui la Piccola compagnia impertinente crede fortemente. Presentiamo alla stampa ciò che di nuovo caratterizza questa edizione, dalle tematiche presenti nelle sezioni alla grafica completamente rinnovata, fino al progetto "Il lupo cattivo si racconta", dedicato ai detenuti. Progetto che è più di una semplice scommessa. Ci aspettiamo un riscontro nei numeri dei racconti, ma anche nella qualità degli stessi, con l'auspicio che il concorso diventi un riferimento per giovani scrittori".

Il bando di partecipazione alla settima edizione del "Premio Lupo", i premi riservati ai vincitori delle quattro sezioni in concorso, le motivazioni legate alla scelta di aprire il concorso ai detenuti delle carceri italiane saranno illustrate alla stampa il prossimo mercoledì 4 aprile, alle ore 11.30, nella Sala Giunta di Palazzo Dogana. All'incontro con i giornalisti parteciperanno il direttore artistico del concorso letterario, Pierluigi Bevilacqua e l'assessore alla Cultura della Provincia di Foggia, Billa Consiglio, insieme a Lucilla Parisi, vicesindaco di Roseto Valfortore in rappresentanza dei comuni promotori e alla dottoressa Eleonora Arena, coordinatrice degli educatori del Carcere di Foggia.

Per scaricare il bando completo: www.premiolupo.com

Tutte le sezioni in concorso:
Sezione SHORTSTORIES - Password: "L'invasione dei lupi".
Settembre 2012. Un branco di lupi affamati è alle porte del paese. Qualcosa sta per succedere. Siamo i lupi che invadono o gli abitanti costretti a difendersi? Invasori o vittime? Perché invadiamo o da cosa siamo costretti a difenderci? Dai ricordi, dalle bollette, dai tag, dai luoghi comuni o da un nuovo amore? Raccontaci un'invasione. Non superare le 8000 battute (spazi inclusi).

Sezione FOLKTELLERS - Password: "I Monti Dauni"
L'aria, gli odori e i sapori di una terra, da riscoprire attraverso le sue trame, le sue radici e le sue storie. Raccontaci i tuoi Monti Dauni. Una storia del passato o una storia ambientata nel futuro.

Non superare le 8000 battute (spazi inclusi).
Sezione SOCIAL NETWORK - Password: "Status impossibili"
Mahatma Gandhi, Anna Magnani, Maria Callas, Giuseppe Garibaldi, Albert Einstein, Marylin Monroe, John Belushi. Sei uno di loro. È il 2012 e hai un tuo profilo su Facebook. Domani passerai alla storia. Magari lo sai, magari lo ignori. Fatto sta che questo è il tuo ultimo status. Lo senti: stai per passare a miglior vita. Cosa scrivi? Un testamento, un aforisma, un commento sugli ultimi fatti di cronaca o uno sfogo? Clicca "Mi Piace" sulla pagina Facebook Premio Lupo Status I Like e pubblica il tuo post. Non superare le 420 battute (spazi inclusi).

Sezione SOCIAL - Password: "Il lupo cattivo si racconta".
La sezione è dedicata unicamente ai detenuti delle carceri italiane. Il racconto può essere una testimonianza, un ricordo o un sogno: il lupo cattivo si racconta.

luned́ 2 aprile 2012 14:33:1
di  Redazione